Consigli per il viaggio

ATTENTI AI NOLEGGI AVIS

Siamo a raccontare un’esperienza di noleggio auto a dir poco sgradevole. Siamo nell‘estate 2009 e, reduci da un episodio estremamente confortevole di noleggio in Spagna con ENOLEGGIOAUTO, decidiamo di ripetere l’esperienza nel nostro viaggio tra Berlino e Danimarca. In particolare noleggiamo un Mercedes Vito a 9 posti presso un’azienda leader in Europa come AVIS per solcare le strade riverse tra Berlino, la Danimarca e i condotti verso il nord. Avventura che è destinata poi a terminare nuovamente in terra di Germania, ad Amburgo. Liddove un aereo sarà incaricato di ricondurci a casa. Così, dopo lo scorrere dei giorni che ci han visto assaggiare l’asfalto di quel bel pezzo d’Europa, ci dirigiamo all’aeroporto per trovare il posto di consegna in un deposito targato AVIS. Giunti al luogo del rilascio ci imbattiamo in due addetti che iniziano una scrupolosa analisi lungo ogni micro centimetro della carrozzeria. Senza volgerci lo sguardo nemmeno per un istante, scrutano lamiera ed interni in ogni angolo. Tutto in un rigido e ‘simpatico’ savoir- faire alla tedesca. Noi, tranquilli per l’ottimo stato dell’auto, ci occupiamo di svuotare il cofano di bagagli. Ad un certo punto però i due lavoratori ci fanno notare, in un farfugliante inglese, un impercettibile avvallamento nella parte anteriore, poco sopra i fari. In effetti c’era un piccolo puntino che non sarebbe stato mai visibile se non da un indagine al microscopio. ‘Lesione’ talmente inavvertibile che risultava di certo già presente in sede di ritiro dell’auto e che si confà perfettamente per un plurimo risarcimento danni. Così, con la rigidità tipica dei tedeschi, ci vien fatto firmare il ritiro dell’auto e ci vien detto che la cosa sarà oggetto di indagine successiva. Per stare più tranquilli allora decidiamo di cercare gli uffici per farci spiegare meglio come si svolgerà il caso. Troviamo un ufficio Avis in cui ci viene confermato ciò che era stato detto. La macchina sarà valutata, come semplice prassi, nello stato in cui è stata consegnata e ci sarà comunicato qualora verranno messi in risalto danni e responsabilità a nostro carico. Tutto impacchettato in modi di porsi intarsiati in filature di perfetta scortesia. Così, perplessi per tutto ciò, ci dirigiamo al terminal per non rischiare di perdere l’aereo. In fila all’imbarco e, quindi, proprio mentre aspettavamo di salire a bordo ci arriva via sms la comunicazione di un addebito sul conto corrente da parte di Avis per un importo di 1000 euro. Per la cronaca ci è stato poi comunicato che il danno era stato quantificato in 1800 euro e che la nostra responsabilità era limitata ai 1000 euro di franchigia già prelevati. Tutto senza aver fatto nulla e solo per aver noleggiato da Avis un auto equipaggiata di un invisibile difetto.
In conclusione che dire se non ATTENTI AI NOLEGGI AVIS

Condividi

Condividi

Annunci

2 responses

5 02 2011
Delfino

Si puo’ dire che stronzi! .. e alla fine come e’ andata a finire? avete pagato e basta? 😦 invece parlando del blog , complimenti molto carino!

16 02 2011
Marco

Alla fine abbiamo pagato ahimè e ti ringrazio per i complimenti e ti invito a seguirci e a scriverci!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: